martedì 18 dicembre 2007

nostalgia

nostalgia, straniero, BellezzaA volte, soprattutto all'imbrunire e se sono stata a contatto con delle Cose Belle, mi assale uno strano stato di inquietudine... come se fossi fuori posto, non a casa mia.
Mi sembra di non appartenere a questo tempo nè a questo spazio, mi sembra di essere straniera a questa terra... La parola che più si presta a nominare ciò che sento è: nostalgia.
Di cosa, non so.
E' un'esperienza che costantemente mi accompagna fin da quando ero giovane. E' dolorosa, dolcemente dolorosa, e la saggezza degli anni e delle esperienze vissute l'hanno mitigata solo in parte, lasciando inalterata la sua natura misteriosa. Trovo sollievo e ritrovo equilibrio soltanto con una scelta di resa alla Vita che mi invade...
"... e quando mi assale la Dura Nostalgia, allora mi arrendo alla Dolcezza..."

3 commenti:

  1. Anonimo14:55

    E' normale non provare nostalgia?io ho 17 anni e non mi manca niente delle cose passate..vuol forse dire che ho una vita ultrapiatta (più del motorola della nostra bloggista) nella quale non ho fatto niente che meriti di essere rimpianto?o è meglio dire che ho un cuore di ferro?boh

    RispondiElimina
  2. Ciao, Anonimo!
    Intanto grazie che mi leggi.
    Trovo veramente carina l'ironia sull'ultrapiatto.
    Penso tu sia una ragazza, ma posso sbagliarmi.

    Le frasi che scrivo condensano un mio vissuto (a proposito: io ho 50 anni) che mi ha segnato, mi ha interpellato e mi ha provocato a cercare risposte sul perchè della vita e sul suo senso.

    A volte ho invidiato chi mi sembrava avesse un "cuore di ferro" come dici tu, perchè il mio cuore troOoppo sensibile mi faceva sì provare tanta gioia ma anche tanto dolore e una sensibilità esasperata (sono una musicista)fa spendere molte energie che, con l'avanzare degli anni, diventano sempre più preziose.
    L'importante è avere un cuore buono e sincero; il fatto che sia di ferro potrebbe essere un dono per sostenere chi è più debole, vedi tu... e goditi più che puoi i tuoi meravigliosi 17 anni!
    Ma il senso della mia frase andava in tuttaltra direzione: ho sempre sofferto di nostalgia di "casa mia"; non mi sentivo a casa da nessuna parte e contemporaneamente desideravo trovare il mio vero posto sulla terra.
    Io penso di essere un po' strana, un po' tanto, ma sono così.
    A volte il desiderio di "casa" era così struggente (DURO) da far male e nasceva in me un moto di vera ribellione.
    Ho mitigato quella ribellione e anche la nostalgia quando ho capito come fare, scoprendo un segreto che per me è una Legge dell'Universo: quando qualcosa ti fa male, qualunque cosa, arrenditi alla Dolcezza e quella cosa non ti ferirà più.
    Ora tu non puoi capirmi, non sarebbe neanche nella logica delle cose, ma un giorno forse la Dolcezza ti aiuterà a superare un momento difficile... come ha aiutato me.

    E' vero che ho il motorola piatto, ma ho anche un "panciuto" nokia! Da stasera entrambi mi faranno pensare a Te.

    Il prossimo post lo dedico a TE,Anonimo17.
    cta

    RispondiElimina
  3. Anonimo16:29

    GRAAAAZIE...mega bacio..
    anonimA 17

    RispondiElimina

Qual è il tuo pensiero su questo argomento? Mi piacerebbe conoscerlo...

libri, libri, libri... e altro