martedì 1 gennaio 2008

Madre e Dio

mamma, bambina, DioL'1 gennaio, primo giorno dell'anno, la Chiesa celebra
Miryam Madre di Dio: una donna che ha visto Dio negli occhi di suo figlio.

Vorrei onorare tutte le madri elencando alcune delle loro tenere espressioni:
"...le mie viscere si commuovono per te, provo per te profonda tenerezza." (Ger, 31:20)
"... perché tu sei prezioso ai miei occhi, perché sei degno di stima e io ti amo" (Is, 43:4)
"Tu sei mio figlio, io oggi ti ho generato" (Sal, 2:7)
"Tu sei il Figlio mio prediletto, in te mi compiaccio" (Mc, 1:11)
"Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo" (Lc, 15:31)
Sono parole di madri ma sono anche parole di Dio!

Infatti pure "Dio è madre" (Giovanni Paolo I)

"... ero per lui come chi solleva un bimbo alla sua guancia, mi chinavo su di lui per dargli da mangiare" (Os, 11:4)
"Come una madre consola un figlio, così io vi consolerò" (Is, 66:13)

Anzi, ancor di più:

"Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio delle sue viscere?
Anche se queste donne si dimenticassero, io invece non ti dimenticherò mai" (Is, 49:15)

In una intervista alla tv, una sera sentii Mons. Ersilio Tonini dire:
"Negli occhi di mia madre ho conosciuto Dio"

Vale anche per me.

Buon 2008. Che la Tenerezza sia con noi.

cta

1 commento:

  1. CresceNet12:30

    Gostei muito desse post e seu blog é muito interessante, vou passar por aqui sempre =) Depois dá uma passada lá no meu site, que é sobre o CresceNet, espero que goste. O endereço dele é http://www.provedorcrescenet.com . Um abraço.

    RispondiElimina

Qual è il tuo pensiero su questo argomento? Mi piacerebbe conoscerlo...

libri, libri, libri... e altro