domenica 29 agosto 2010

Nessuno tocchi Caino

colpevole, film, Ruggeri, pena di morteIo sono l'uomo che non volevi, sono più di tutto quello che temevi.
Domattina sai che ti porterò al di là dei tuoi stessi pensieri.

E' tutto pronto perchè non sbaglio, ho curato fino al minimo dettaglio.
Quando punterai gli occhi dentro ai miei, io saprò sostenere lo sguardo.

Il mondo non passa da qui e non mi importa più di me;
troppi giorni chiusa ad aspettare che si allargasse il cielo e scendesse su di noi
una mano e un gesto di pietà, una mano e un segno di pietà.

Il corridoio si stringe ancora, lo dovrai vedere solo per un'ora.
E' il lavoro mio, è la vita mia; a eseguire il destino s'impara.

Ma non mi scordo del primo uomo; ho bevuto per non chiedergli perdono.
Non moriva mai, non finiva mai. Ma ti abitui a tutto, non lo sai?

Il mondo non passa da qui e il mio pensiero è andato via,
oltre a queste sbarre fino a casa mia. C'è lo stesso cielo che domani avrà
una firma e un gesto di pietà, una mano e un segno di pietà.

Tutto è compiuto perfettamente, oramai qui non si sbaglia quasi niente.
Controllate voi, due minuti e poi io potrò tornarmene dai miei,
perchè anch'io ho moglie e figli miei.

Il mondo non passa da qui, ma la mia anima è già via
e dall'alto guarda fino a casa mia. C'è lo stesso cielo, che domani avrà
una croce e un gesto di pietà.

Io sono qui e la mia anima non è
solo un numero appoggiato su di me: è una luce bianca andata dove sa,
tra le stelle e un gesto di pietà, oltre il cielo dove c'è pietà.

Enrico RuggeriGli Occhi Del Musicista (2003), Nessuno tocchi Caino.
cta

Nessun commento:

Posta un commento

Qual è il tuo pensiero su questo argomento? Mi piacerebbe conoscerlo...

libri, libri, libri... e altro